Pollo alla cacciatora della nonna, ricetta originale

‏‏‏Il pollo alla cacciatora buonissimo e gustosissimo, come lo preparava la nonna, quello che vi ricordate sulla tavola d'autunno, una ricetta light e facile da preparare. Quella che vi riportiamo è una preparazione semplice e leggera, scritta di pugno senza una precisa quantità di ingredienti e non per negligenza, ma, come vale per tutte le ricette riportate qui sopra, semplicemente perchè nelle cucine di una volta, tradizionali, erano l'occhio e la mano a misurare. Non c'erano microonde o bimby e la cottura avveniva molto spesso in padella (o forno), a fuoco molto lento. Per cui ritrovate l'emozione di spargere silenziosamente quell'odore leggero per casa, lasciate che il pollo alla cacciatora valorizzi il suo incontro con il vino e preparatevi a una calda atmosfera tra i piatti. Dopotutto è un piatto ricco di sugo, da mangiare senza reticenze. Piccola nota: non viene specificato il vino, ma è preferibile utilizzare un Sangiovese in purezza per la sfumatura ed un Chianti (o una bottiglia della Maremma, per contrasto) in abbinamento.

Rosolare tutti gli odori (cipolla, sedano, carota, aglio, rosmarino, salvia) con il pollo a pezzi. 

‏ Aggiungere vino rosso, sale e pepe.  Una volta sfumato il vino aggiungere il pomodoro.  Cuocere aggiungendo acqua o brodo vegetale al bisogno. 

‏ Contorni: patate lesse, fagioli. Alcuni impiegano anche funghi ed olive.

‏ Il sugo può essere utilizzato per condire la pasta.

 

Menu